Senza categoria

Handmade wedding a tema rock festival – Accessori divertenti per la sposa e gli invitati

Ultimo post della serie handmade wedding: ecco una carrellata degli accessori che hanno dato un tocco divertente al matrimonio, sia per noi sposi sia per gli invitati, grandi e piccoli. Qualcosa ha funzionato bene, qualcosa no (ma ha generato ugualmente sorrisi), qualcosa è stato davvero fatto a mano (da me o da artigiani), qualcosa acquistato pronto all’ultimo, quasi sempre online. Di seguito le mie impressioni e le indicazioni, dove possibile, su dove comprare tutto.

Per prima cosa, un bell’outing: l’abito da sposa l’ho comprato su internet
. Sì, sul mio amato sito Modcloth, che tra l’altro proprio in questi giorni presenta la deliziosa collezione wedding 2016. Sì, si-può-fare, e sì, lo rifarei. Non ho mai avuto particolare feeling con gli abiti da sposa e cercavo qualcosa che non sembrasse troppo da sposa, infatti. Mi sono trovata bene con Modcloth per la spedizione e il rapporto qualità/prezzo. Ho scelto un abito dalla linea scivolata per non avere troppi problemi di fitting, e alla fine ho dovuto solamente fare accorciare l’orlo.
Per questo abito un po’ bohemien ho scelto poi due accessori che hanno fatto dire a tutti wow, e cioè:

1. La corona di fiori
Acquistata su Etsy nello shop di Paradise Shore, che però al momento non presenta articoli simili. Sempre su Etsy troverete comunque molte corone e coroncine di fiori di stoffa. Meglio se orientate la ricerca su venditori in UK, o comunque in Europa, per avere meno problemi con la spedizione.

2. Le piume!
Questa è stata una decisione un po’ azzardata, ma volevo completare il mio abito di pizzo dalla linea molto semplice, sbracciato, con qualcosa che aggiungesse un fattore wow e coprisse un po’ le spalle. Dopo mesi passati a pensare a come aggiungere delle maniche corte, del pizzo, delle perle… ho trovato questo nello shop Etsy di Rougepony:

il_570xn-581881035_pmzl

Meravigliose, morbidissime, carezzevoli spalline di piume (nessun animale è stato molestato per fornire il materiale), e pure avorio, come il mio abito. In pratica nella foto sopra ho visto esattamente come mi sarei vestita nel giorno del matrimonio. Occhi a forma di cuore sulle facce di tutti i presenti quando sono arrivata in municipio. Nello stesso negozio si trovano tantissimi altri articoli spettacolari, lo consiglierei a qualsiasi sposa alternativa.

3. L’appendino “Bride”
Ok, lo fanno tutte… Ma l’appendino personalizzato con il filo di metallo permette di fare delle foto carine durante la preparazione della sposa. Ho usato un cavo chiamato “filo di metallo per giardinaggio” che si trova in tutti i Brico o simili. Basta piegarlo seguendo una scritta che avrete precedentemente tracciato su un foglio a penna; che sia bella grande e non troppo complicata. Usate una pinza per piegare le estremità e posizionarle nascoste, in modo che non rovinino il vestito.

appendino

Per  gli ospiti poi abbiamo preparato altre cosine che sono piaciute:

1. Gli sparacoriandoli
Che non hanno sparato! Quindi non prendete quelli da quattro soldi che non funzionano, oppure munitevi di un cugino alto pronto a rovesciarveli addosso.

Schermata 2016-02-27 alle 12.07.34
Foto Michele Ranzani – i-stantART Monza

2. Le bolle
Anche le bolle al posto del lancio del riso, o assieme al lancio del riso, sono un’idea molto sfruttata. Qualsiasi tipo andrà bene, queste hanno una boccettina non troppo orrenda e durano davvero più a lungo.

3. Il timbro personalizzato
Questo è un servizio offerto da moltissimi negozi di hobbystica e scrapbooking (se siete in zona c’è L’Artistica Glo a Cinisello Balsamo, al quale mi sono rivolta io) o anche online. Il costo dipende dalla grandezza del timbro, noi pensavamo a qualcosa che ricordasse i timbri usati nei locali e nei festival, quindi grandezza massima “dorso di una mano”. Per un timbro 3x4cm ho speso circa 12 euro. Abbiamo dato a un bambino il compito di timbrare gli invitati e devo dire che si è divertito come un matto.

timbro02

4. I regalini per i più piccoli
A proposito di bambini, se ne avete invitati pochi e non prevedete animazione o babysitting, potete prevedere per loro dei giochi per tenerli occupati. Non occorre spendere tanto, il “di più” è dato dalla personalizzazione: fate trovare sui tavoli delle buste di carta colorate, una per ciascuno di loro, con il loro nome, riempite di passatempi. Si sentiranno subito molto considerati! I genitori sono stati molto contenti. Io ho riempito le buste regalo con:
– fogli A4 stampati con disegni da colorare o giochi enigmistici
– bolle di sapone
– carte da gioco
– palloncini da gonfiare
– pastelli a cera per i piccoli e pastelli per i grandi (con temperino)
– altri giochini tipo puppazzetti, robottini, macchinine, scooby-doo e simili
Occhio a essere equilibrati che tra fratelli si scatenano le gelosie. Per i bambini molto piccoli potete prevedere un peluche o un gioco con le ruote da trascinare.
A parte ho fatto un cesto con dei giochi collettivi: bocce, corda per saltare, hula-hoop, Crystal Ball (bè, quelli se li sono contesi gli adulti…).
Se volete riprendere il tema rock wedding potete scegliere dei disegni da colorare sul genere Indie Coloring Book. Poi se cercate un po’ in rete trovate di tutto, io ho stampato anche l’Henry Rollins a cui disegnare i tatuaggi.

5. Kit d’emergenza
A proposito di kit, quello per la sposa è indispensabile. Probabilmente non verrà toccato il giorno del matrimonio, ma è una potente coperta di Linus, perciò preparatelo o fatevelo preparare e vi sentirete più tranquille. Io ho inserito: scarpe basse di ricambio, occhiali da sole, coprispalle, le medicine per i problemi più comuni, salviettine, trousse con il makeup per i ritocchi, spazzola e pettine, cerotti, Compeed per le vesciche, ago, filo, forbici, spazzolino e dentifricio.

Schermata 2016-01-04 alle 09.28.21

6. I photo props
Ormai ai matrimoni non mancano mai, sarà un tripudio di selfie. Acquistateli per pochi euro nei negozi di articoli per le feste, su Amazon, o fateli voi con cartoncino e bastoncini. Io non avevo tempo di realizzarli e li ho comprati, ma ho decorato una scatola da scarpe per esporli.

W_Photobooth

7. L’app per la condivisione foto: WedShoots
A proposito di selfie. Questa app l’ho scaricata qualche giorno prima del matrimonio senza darle due centesimi, ma poi ha avuto un successo strepitoso. WedShoots è un’applicazione che consente agli invitati di condividere in tempo reale le foto in un album che poi si potrà rivedere quando si vuole. Si crea l’album e poi si invitano le persone, tramite messaggio o distribuendo il giorno del matrimonio un foglietto con una password (è tutto spiegato benissimo sul sito dell’app). Chi ha creato l’album poi può anche scaricare le foto o eliminarle. Ho notato, confrontando vari matrimoni, che ha funzionato molto meglio WedShoots rispetto alla creazione di un hashtag su Instagram: non lo immaginavo, ma l’adesione è stata altissima! Gli invitati scattano sempre un sacco di foto, ma per gli sposi è difficile poi recuperarne anche solo la minima parte; grazie all’app abbiamo potuto rivedere un sacco di momenti e di scene che altrimenti ci sarebbero sfuggite. WedShoots è disponibile per iOS e Android.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...